Reclami - Modalità di presentazione e gestione reclami


Eventuali reclami, ovvero, dichiarazioni di insoddisfazione nei confronti di Vittoria Assicurazioni S.p.A. relative ad un contratto o ad un servizio assicurativo, devono essere inoltrate per iscritto al Servizio Reclami ai seguenti recapiti:

 

Vittoria Assicurazioni S.p.A. - Servizio Reclami
Via Ignazio Gardella, 2 - 20149 Milano
 

 

Il Servizio Reclami, quale funzione aziendale incaricata, provvederà a fornire riscontro nel termine massimo di quarantacinque giorni.
 
Per individuare correttamente la posizione e dar seguito ad una pronta trattazione della pratica al fine di fornire una risposta chiara e completa, è necessario indicare:
  • nome, cognome e domicilio del reclamante, con eventuale recapito telefonico;

  • il soggetto o i soggetti di cui si lamenta l’operato;

  • il numero di polizza e/o numero di sinistro e data dell’evento (in assenza sarà utile indicare il C.F. e/o le targhe coinvolte);

  • la sintetica ed esaustiva esposizione dei fatti e delle ragioni della lamentela;

  • ogni documento utile per descrivere più compiutamente le relative circostanze.

 
Qualora l'esponente non si ritenga soddisfatto dall'esito del reclamo o in caso di assenza di riscontro nel termine massimo di quarantacinque giorni, potrà rivolgersi all’Autorità di Vigilanza, compilando l’apposito modulo, disponibile di seguito in formato .pdf, allegando copia del reclamo già inoltrato alla nostra Impresa ed il relativo riscontro.
 
 
 
Di seguito riportiamo i recapiti per contattare l’Autorità di Vigilanza:
 
IVASS - Servizio Tutela del Consumatore
Via del Quirinale, 21
00187 Roma
 
NumeroVerde[1].png 
fax: 06.42.133.206 
 
 
È inoltre possibile fare ricorso alle seguenti modalità alternative per la soluzione delle controversie previste a livello normativo o convenzionale:
 

E’ un istituto che si avvale dell’intervento di un terzo imparziale (mediatore) ed è finalizzata ad assistere due o più soggetti sia nella ricerca di un accordo amichevole per la composizione di una controversia, sia nella formulazione di una proposta per la risoluzione della stessa, come previsto dal Decreto Legislativo n. 28 del 4 marzo 2010.

Nasce da un accordo tra ANIA (Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici) e alcune Associazioni dei Consumatori, al fine di risolvere in modo semplice e rapido controversie relative a sinistri R.C. Auto la cui richiesta di risarcimento non sia superiore a 15.000,00 euro.

E’ una modalità alternativa di soluzione delle controversie regolata dalla Legge n. 162 del 10 novembre 2014.